“Tut aldrit (Tutto bene) - Storie di seggiolai delle Dolomiti”

08.01.2016   |   pubblicato da Marco Crepaz

Venerdì 15 gennaio alle ore 18.00 presso la sede dell'Associazione Bellunesi nel Mondo (via Cavour, 3 Belluno), verrà presentato il libro “Tut aldrit (Tutto bene) - Storie di seggiolai delle Dolomiti”, di Enrico Stalliviere.Il volume raccoglie alcune esperienze giovanili di un apprendista seggiolaio che accompagnò il padre nel suo lavoro di seggiolaio ambulante. Una serie di aneddoti divertenti e di storie interessanti, che documentano la dura lotta per l'esistenza non solo dei caregheta, ma di tutte le persone che li attorniavano, accomunati dall'esigenza di garantirsi con il proprio lavoro, di artigiano, commerciante o contadino, dignitosi livelli di sopravvivenza.Il titolo del libro, “Tut aldrit”, è tratto dal gergo dei seggiolai e non va inteso tanto come l'affermazione di uno stato di fatto (tutto va bene), ma piuttosto come un'esortazione al coraggio di vivere (dobbiamo comunque farla andar bene). L'interesse del libro è tutto qui, nel ricostruire un piccolo affresco sociale della sua epoca (50-60 anni fa) con semplicità e schiettezza. Risalta così una dimensione umana e collettiva dai caratteri molto ben delineati: un rapporto molto intenso con la natura e gli animali; relazioni umane improntate alla spontaneità, anche se talvolta un po' rudi; legami famigliari molto forti, in cui la figura del padre manteneva una sua centralità, come esempio etico e di comportamento; una concezione dell'infanzia, che pur rispettando le esigenze ludiche, non rinunciava a trasmettere il senso della responsabilità, anche se questo comportava fatiche e lavoro.Alla presentazione, moderata da Luisa Carniel dell'Abm, sarà presente l'autore, accompagnato da Francesco Padovani che leggerà alcuni brani del libro.L'evento è organizzato dalla Biblioteca dell'emigrazione “Dino Buzzati”, con la collaborazione dell'Associazione Bellunesi nel Mondo e con il patrocinio dell'Associazione “Union Ladin da Gosalt”, del Comune di Gosaldo e del Comune di Rivamonte Agordino.

L'ingresso è libero.

Per informazioni: biblioteca.emigrazione@bellunesinelmondo.it ; Tel: 0437 941160; Facebook: bibliotecaemigrazione

Condividi su