Coronavirus. Novità per l’ingresso in Austria dall’Italia

03.05.2021   |   pubblicato da Simone Tormen

 

«Da lunedì 3 maggio 2021 l’Italia non rientra più tra gli Stati considerati “ad alta incidenza covid”. Pertanto i pendolari provenienti dall’Italia hanno l’obbligo di esibire un test PCR o antigenico negativo effettuato nei 7 giorni precedenti l’ingresso in Austria» anziché entro 72 ore dall’arrivo. Lo segnala ai connazionali l’Ambasciata d’Italia a Vienna.  

«Si ricorda – aggiunge l’Ambasciata – che anche i pendolari regolari dovranno registrarsi elettronicamente nel quadro della “Pre-Travel Clearance”. Una nuova registrazione è richiesta ogni 28 giorni oppure nel caso in cui i dati siano cambiati».

Per maggiori informazioni si rimanda al sito: ambvienna.esteri.it.

Condividi su