EURES, il portale europeo della mobilità professionale

28.04.2021   |   pubblicato da Simone Tormen

 

Facilitare la libera circolazione dei lavoratori: questo l’obiettivo di EURES, la rete di cooperazione europea dei servizi per l’impiego.  

Creata nel 1994, tale rete ha dato vita a un portale europeo della mobilità professionale il cui scopo è «permettere ai cittadini europei di godere delle stesse opportunità, nonostante le barriere linguistiche, le differenze culturali, le sfide burocratiche, le diverse leggi sul lavoro nonché il mancato riconoscimento dei certificati scolastici tra le varie regioni dell’Europa».

EURES si occupa in particolare di assistenza, informazione e sostegno, garantendo supporto nella redazione di domande di lavoro e Curriculum Vitae, favorendo l’abbinamento delle offerte di lavoro con i CV sul proprio portale e offrendo sostegno a eventi di reclutamento attraverso la piattaforma delle Giornate europee del lavoro (online).

Inoltre, offre informazioni e orientamento per i lavoratori e i datori di lavoro, garantisce l’accesso a informazioni relative alle condizioni di vita e di lavoro negli Stati membri dell’Unione europea e fornisce azioni di sostegno successive al reclutamento, come la formazione linguistica e il supporto all’integrazione nel Paese di destinazione.  

Oltre a garantire questi servizi, opera anche per fornire azioni di sostegno a lavoratori frontalieri e datori di lavoro nelle regioni transfrontaliere e per dare supporto a gruppi specifici nei programmi di mobilità occupazionale mirati (i Targeted Mobility Schemes).  

I servizi offerti da EURES sono gratuiti e disponibili sul portale ec.europa.eu oppure attraverso i Consulenti EURES, presenti nei Centri per l’Impiego di ogni Paese europeo.  

Il supporto è rivolto a tutti i cittadini residenti nell’Unione, in Islanda, in Liechtenstein, in Norvegia e in Svizzera che intendono trasferirsi in un altro Paese europeo per lavoro, tirocinio o apprendistato, così come ai datori di lavoro con sede nelle medesime aree interessati ad assumere personale in Europa. 

Condividi su