Brexit. Da ottobre 2021 stop alle carte d’identità Ue per entrare nel Regno Unito

12.10.2020   |   pubblicato da Simone Tormen

«Da ottobre 2021 le carte d’identità dell’Unione europea, dello Spazio economico europeo e della Svizzera non saranno più accettate come documento di identità valido per entrare nel Regno Unito». Lo segnala il portale eunews sulla base di un annuncio dell’8 ottobre del governo britannico.

“Queste carte d’identità – il commento del governo – sono tra i documenti meno sicuri visti alla nostra frontiera e mettere fine al loro utilizzo rafforzerà la sicurezza del Regno Unito”.  

«Le nuove regole – spiega l’articolo di eunews a firma di Federico Baccini – si applicheranno ai turisti e ad altri visitatori, ma non ai cittadini dell’Unione che vivono nel Regno Unito e che hanno fatto richiesta per rimanere nel Paese attraverso l’EU Settlement Scheme. Anche i cittadini irlandesi e di Gibilterra saranno esentati da questo requisito».  

«Il Regno Unito – prosegue l’approfondimento – ha già abolito lo status speciale di immigrazione per i cittadini dell’Ue, dello Spazio economico europeo e della Svizzera, non appena scadrà il periodo di transizione post-Brexit (31 dicembre 2020). Da quel momento sarà utilizzato un sistema di immigrazione a punti che incoraggerà i datori di lavoro britannici a reclutare lavoratori qualificati da tutto il mondo: i potenziali migranti che desiderano vivere e lavorare nel Regno Unito dovranno dimostrare di avere un’offerta di lavoro da almeno 25.600 sterline di stipendio, essere istruiti a livello A (un esame che sia pari a quello di maturità degli studenti britannici) e di saper parlare inglese».

L’articolo completo è disponibile sul sito: www.eunews.it.

Condividi su