Nuova emigrazione: 128 mila espatri nell’ultimo anno. I dati del RIM 2019

28.10.2019   |   pubblicato da Simone Tormen

RIM 2019
Sono state 128 mila le partenze di cittadini italiani nell’ultimo anno. Quasi 5,3 milioni i connazionali che risiedono all’estero. È quanto emerge dal Rapporto Italiani nel Mondo 2019, la pubblicazione annuale curata dalla Fondazione Migrantes presentata venerdì scorso a Roma. Il tema di questa edizione – la quattordicesima – è quello della percezione delle comunità italiane nel mondo: “Quando brutti, sporchi e cattivi erano gli italiani: dai pregiudizi all’amore per il made in Italy”.
I dati
Su un totale di oltre 60 milioni di cittadini residenti in Italia a gennaio 2019, alla stessa data l’8,8% risulta residente all’estero. In termini assoluti, gli iscritti all’AIRE al 1° gennaio 2019 sono 5.288.281. Dal 2006 al 2019 la mobilità italiana è aumentata del 70,2% passando, in valore assoluto, da poco più di 3,1 milioni di iscritti all’AIRE a quasi 5,3 milioni. Quasi la metà degli iscritti proviene dal Meridione (48,9%). Il 35,5% proviene dal Nord (il 18,0% dal Nord-Ovest e il 17,5% dal Nord-Est), il 15,6% dal Centro.
Le mete
La maggior parte degli iscritti (il 54,3%, pari a oltre 2,8 milioni di soggetti) risiede in Europa, soprattutto nell’Unione europea (41,6%). In America troviamo circa 2,1 milioni di persone (40,2%), in prevalenza nell’America Centro-Meridionale (32,4%). Le comunità di italiani più consistenti si trovano in Argentina (quasi 843 mila), Germania (poco più di 764 mila), Svizzera (623 mila), Brasile (447 mila), Francia (422 mila), Regno Unito (327 mila) e Stati Uniti (272 mila).
Il quadro nell’ultimo anno
Nel corso del 2018 gli espatri veri e propri sono stati oltre 128 mila. 107 le diverse province di provenienza e 195 le destinazioni. «L’attuale mobilità – sottolinea la Migrantes – continua a interessare prevalentemente i giovani (40,6& gli iscritti nella fascia d’età 18-34 anni) e i giovani adulti (24,3% in quella 35-49 anni). Il 71,2% è diretto in Europa, il 21,5% in America, di cui il 14,2% in America Latina. Delle 195 destinazioni nel mondo, il Regno Unito si attesta al primo posto, con oltre 20 mila iscrizioni nell’ultimo anno (+11,1% rispetto all’anno precedente). Al secondo posto la Germania (18.385 connazionali espatriati negli ultimi 12 mesi). A seguire la Francia (14.016), il Brasile (11.663), la Svizzera (10.265) e la Spagna (7.529). A proposito dei luoghi di partenza, resta in vetta la Lombardia, con 22.803 partenze tra gennaio e dicembre 2018. Seguono il Veneto (13.329), la Sicilia (12.127), il Lazio (10.171) e il Piemonte (9.702).
La provincia di Belluno
Oltre 52 mila gli iscritti AIRE nel Bellunese (52.767), il 12,25% del totale regionale (430.678 gli iscritti in Veneto). Nel nostro territorio spiccano i casi di Soverzene e Arsiè. Soverzene è il primo comune in Veneto per incidenza percentuale degli iscritti rispetto alla popolazione residente: 842 AIRE su 375 residenti (224,5%). Per Arsiè il rapporto è 2.427 su 2.250 (107,9%). 

Condividi su