Incidenti in montagna. Gli interventi di soccorso compiuti ieri

-

Ieri pomeriggio l’elicottero di Dolomiti Emergency è volato sulla Cima Ovest del Cridola dove, scendendo lungo la via normale con un amico, un escursionista era scivolato in un tratto ripido, riportando escoriazioni e la possibile lussazione di una spalla.

Una volta localizzato il luogo, l’eliambulanza ha sbarcato in hovering, nelle vicinanze, tecnico di elisoccorso ed equipe medica, che hanno provveduto a immobilizzare il braccio del 66enne di Lorenzago di Cadore. L’uomo è stato poi aiutato a salire sull’elicottero, per essere condotto all’ospedale di Belluno.

In mattinata, invece, lo stesso elicottero era stato inviato ad Auronzo di Cadore, sotto le Tre Cime di Lavaredo, per un 66enne statunitense colto da malore al Rifugio Auronzo. Atterrati in piazzola e valutate le sue condizioni, i soccorritori lo hanno trasportato al San Martino Belluno per i dovuti accertamenti. 

Un altro intervento è stato portato a termine nella Valle di Gares, dove un’escursionista bellunese di 67 anni è scivolata nella zona delle Cascate delle Comelle, riportando un trauma a una spalla. Raggiunta da una squadra del Soccorso alpino della Val Biois, la donna è stata trasportata all’ospedale di Agordo.

Il Soccorso alpino di San Vito di Cadore è stato invece attivato per una famiglia in difficoltà nella zona tra il Cason de le Frates e il Cason de le Regoietes. Gli otto turisti, provenienti dal Belgio, seguendo le indicazioni di un sentiero su una vecchia guida non aggiornata, si erano ritrovati lungo una ripida prateria e, temendo di scivolare, avevano chiesto aiuto. Individuati, sono stati aiutati a scendere e accompagnati fino alla loro auto.